Albero degli indirizzi

 scientifico   liceo marconi  linguistico
 scientifico bilingue linguistico esabac 
 scientifico esabac  scienze applicate  linguistico business
 scientifico cambridge  scienze applicate cambridge linguistico cambridge 

Sostieni la scuola

La scuola ha aderito alle seguenti iniziative:

-        Un click per la scuola (promossa da Amazon): all’atto dell’acquisto, selezionando il nostro liceo, Amazon dona alla scuola un credito virtuale che potrà essere utilizzato per l’acquisto di materiali scelti all’interno di uno specifico catalogo      https://www.amazon.it/b?ie=UTF8&node=17033335031

-        Amici di scuola (promossa da Esselunga): in base al numero di “buoni” raccolti, la scuola potrà scegliere attrezzature informatiche e    materiale didattico scelte all’interno di uno specifico catalogo       https://www.amicidiscuola.com/atpc/amicidiscuola/j/iniziativa

 Sosteniamo la nostra scuola anche così!

Certificazioni di Francese

Liceo Marconi è da dieci anni sede delle certificazioni linguistiche di francese delf /dalf B2 –C1 e dallo scorso anno anche di  DELF PRO B2 (microlingua commerciale, français des affaires). Questo è possibile grazie alla stretta collaborazione con l’Alliance française di Bologna che invia gli esaminatori presso la nostra sede dato l’alto numero di certificazioni.

Certificarsi costituisce un valore aggiunto a qualsiasi curriculum e la possibilità di non dover passare l’esame di lingua in molte facoltà universitarie grazie al possesso del Diploma DELF.

La scuola nel periodo che va da dicembre a febbraio realizza corsi interni di preparazione specifica per l’esame con insegnanti di francese della scuola.

Seguire questo collegamento per visitare il sito dell’Alliance per ulteriori informazioni.

Per avere un’idea della tipologia d’esame  visitare questi siti:

https://www.ciep.fr/exemples-sujets-b2-tp

https://www.ciep.fr/delf-dalf/delf-pro

Premio alla startup "Redivivus" della 4U

Al Marconi è nata REDIVIVUS!

È datata la questione e non è una questione da poco: portare l’esperienza del lavoro all’interno della scuola.

Sono sorti gli stages, i tirocini, l’alternanza scuola-lavoro.. non inizio neppure a scorrere il nastro della memoria sulle riforme scolastiche che hanno fatto l’occhiolino all’idea di offrire un assaggio di pratica lavorativa tra i banchi.

redivivus 01Scrivo di un’esperienza felice, formativa, utile,  ciò che è capitato alla classe 4a U del liceo Marconi che ha accettato di aderire, insieme al liceo Ulivi e all’Itis Leonardo da Vinci di Parma, al progetto proposto dall’azienda Davines, fondata a Parma nel 1983 dalla famiglia Bollati, ora leader mondiale nella produzione di prodotti tricologici di qualità, iniziativa sostenuta da Invento School, esperti nei progetti di alternanza scuola lavoro.

La 4a U del Marconi ha voluto rispondere in modo efficiente e determinato alla richiesta difficile e pretenziosa: avviare una start-up.

Questi ragazzi diventati la start-up dal nome Redivivus, senza conteggiare le ore di impegno e lavoro pomeridiano, ricercando e provando materiali,  da internet al garage della loro case, si sono inventati una piccola sfera di shampoo concentrato, prodotta in plastica idrosolubile e biodegradabile dal nome Redidrop!


Ecco il risultato: una deliziosa e comoda novità a impatto ambientale zero assoluto.

Nasce così Redidrop per l’aereo, per la palestra, per la piscina, per l’allenamento, per il campeggio e per il mare, una doccia di shampoo biologico che sprona tutti noi all’attenzione e al rispetto del pianeta Terra che, come abbiamo ricevuto in prestito, così dobbiamo restituire alle future generazioni.

I primi a muoversi sono stati proprio loro, i ragazzi del Marconi che hanno osato sognare cose che non sono mai state e sono riusciti a far diventare realtà le loro bellissime idee.

Consiglio di provare...https://youtube.be/T2osrVUIGvg

@redivivus.bcorp

Olivia Zecca

COMUNICATO STAMPA

CHANGEMAKER COMPETITION

Giovedì 6 Giugno 2019, ore 10:00, c/o il Salone di Le Village - Corso di Porta Romana 61 - Milano

Milano, 6 giugno 2019. Si è tenuta a Milano la nuova edizione di B Corp School, il primo percorso di Alternanza Scuola Lavoro per i giovani che mette in contatto le scuole superiori con le imprese migliori per il mondo, le imprese benefit e le B Corp.

Dalla riduzione della plastica usa e getta alla valorizzazione dei prodotti locali a km0, dalle tecnologie di depurazione delle acque per arrivare al riutilizzo degli scarti in ottica di economia circolare: queste alcune delle idee che si sono sfidate durante la giornata.

Vincitrice della seconda edizione è Redivivus, la startup che vuole rivoluzionare il mondo della cosmesi. I ragazzi del Liceo Marconi di Parma propongono la Redidrop: una capsula idrosolubile di shampoo che vuole fornire una soluzione allo spreco di plastica dovuto all’utilizzo di flaconi di plastica. Gli altri partecipanti non sono stati da meno e si sono distinti con prodotti e servizi che rispondono ai principi dell’economia circolare, degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) e della riduzione dell’inquinamento. Tra queste troviamo Plastophobic del Liceo Ulivi di Parma, prima scuola nel nord Italia a diventare plastic free con l’introduzione delle borracce della scuola attraverso la partecipazione all’iniziativa del Ministero dell’Ambiente. Dalla Lombardia Il Genio del Sapone propone una soluzione semplice, che si propone di evitare l’inquinamento del mare causato dall’olio esausto: un sapone realizzato utilizzando l’olio di frittura.

InVento Innovation Lab, la prima B Corp che si occupa di education sui temi dell’imprenditorialità e sostenibilità ambientale, ha fondato nel 2017, in partnership con la community italiana ed europea delle B Corp, la prima iniziativa di imprenditorialità che mette in connessione la rete delle B Corp con le scuole per la creazione dei progetti di start up “migliori per il mondo”.  InVento Lab ha maturato un’esperienza pluriennale nello sviluppo di questo tipo di percorsi, avendo seguito 8.120 giovani e 108 scuole dal 2014 nello sviluppo di progetti di imprenditorialità “green” con valenza di ASL e ha partecipato allo sviluppo di percorsi imprenditoriali a livello internazionale. Membri del team InVento Lab hanno partecipato, come mentor, a prestigiosi programmi tra cui LaunchX di MIT e Start Up Training dell’Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano.

Le scuole e le società B Corp sono le protagoniste del primo programma partito in Italia e che mira a espandersi oltreconfine.

Durante l’evento finale, la Changemaker Competition, sono state presentate 22 start up realizzate dagli studenti che incarnano i valori B Corp sotto diversi aspetti: attenzione all’ambiente, alle partnership sui territori, agli stakeholder. La seconda edizione (anno scolastico 2018-2019) ha visto coinvolti 700 studenti appartenenti a più di 50 differenti classi, provenienti da 27 scuole diffuse su tutto il territorio nazionale. Le classi hanno presentato le loro startup in una competizione di pitch per aggiudicarsi il primo premio di miglior startup “B Corp School” e hanno mostrato ai giudici i prototipi dei loro prodotti o servizi. Tutto ciò grazie alla collaborazione di mentor provenienti dal mondo B Corp che hanno permesso di costruire imprese che facciano la differenza.

I numeri della Rete B Corp
Nel mondo
 sono 2788 le società che sono entrate a far parte della rete delle imprese B Corp e stanno misurando i propri impatti sui lavoratori, sul territorio, sulla società. L’Italia è uno dei paesi a maggior concentrazione di B Corp e Benefit corporation e, dal gennaio 2016, è anche il primo paese in Europa a introdurre la Società Benefit per consentire a imprenditori, manager, azionisti e investitori di proteggere la missione dell’azienda e distinguersi sul mercato attraverso una forma giuridica virtuosa e innovativa.

All’interno di questo scenario, in continua crescita, con un movimento globale di società che utilizzano il business come forza positiva verso il territorio e la società, si colloca la B Corp School di InVento Lab come motore e coinvolgitore dei giovani in questa evoluzione.

“La seconda edizione di B Corp School ha riscosso molto successo.” spiega Giulia Detomati, CEO di InVento Lab “Abbiamo ricevuto tantissime adesioni da parte di scuole e docenti che desiderano ripetere il percorso il prossimo anno. Manifestazioni di interesse ci sono giunte da ogni parte d’Italia, sintomo che il progetto sta scalando a livello nazionale. Siamo pronti ora ad aprire i confini ed espanderci anche in Europa. ”

L’Assessore del Comune di Milano, Cristina Tajani introduce la giornata e si rivolge ai ragazzi con queste parole “Mi auguro che questa sia, per voi ragazzi, un’occasione di incontro non estemporanea. Il Comune di Milano è vicino al lavoro di InVento Lab per far incontrare scuole e lavoro. Spero ci siano altre occasioni per incontrarci e per sviluppare le vostre idee anche attraverso gli strumenti che il Comune di Milano mette a vostra disposizione.”

“Siamo noi, l’Uomo Sapiens, il cataclisma naturale che ci potrebbe portare alla sesta estinzione di massa” inizia così il suo intervento Frank Raes, climatologo e ricercatore JRC.  “Non sono pessimista, ma sono possibilista. Vi voglio dire che abbiamo tutte le conoscenze per cambiare! Non si tratta di un cambiamento solo tecnologico o di modello di business, ma culturale. Cambiare per andare oltre il pensiero moderno, basato sulla separazione tra Natura e Umanità e che ci ha messo dentro una accelerazione non sostenibile. Questo cambiamento è in corso, e la prova ne siete voi."

“Siamo sulla frontiera” annuncia Roberto Cociancich, socio fondatore e consigliere di Assobenefit “Il mondo del profitto e il mondo del beneficio per la collettività sono stati messi in contrasto e contrapposizione per lungo tempo. Siamo quindi sulla frontiera di un futuro che vede al centro un nuovo modello di impresa che non ha come unico obiettivo quello di massimizzare il profitto, ma anche obiettivi di utilità sociale. Il compito dell'impresa quindi è quello di creare valore non solo per gli azionisti, ma a vantaggio di tutta la comunità attraverso azioni di tutela sociale e ambientale. Sono queste le società benefit.”

 I premi e le start up della Changemakers Competition
Quest’oggi sono stati assegnati 5 premi.
Il primo premio Miglior Startup B Corp School è stato assegnato a Redivivus della classe 4U Liceo Scientifico Marconi di Parma. “Per essere stati in grado, partendo da un’idea di prodotto semplice, di arrivare alla progettazione dell’intero processo produttivo, fino a diventare un’azienda. Un’idea già applicata in altri settori che è stata, in maniera intelligente e utile, riutilizzata. Per la sostenibilità dell’idea, la qualità dell’esposizione e dei materiali presentati.”

Premio B Circular a Il Genio del Sapone della classe 3B dell’Istituto Olivelli Putelli di Darfo “perchè, in primis, hanno deciso di affrontare un problema non noto, ma molto dannoso per l’ambiente che riguarda imprese e abitazioni private scegliendo di offrire un servizio di raccolta e un nuovo prodotto per la cura del corpo sostenibile e circolare.”

Premio SDGs a Plastophobic delle classi terze A, D, F e G del Liceo Ulivi di Parma “L’idea propone un nuovo modello di consumo e di produzione, eliminando un sovra packaging di cui non c’è necessità, contribuendo alla realizzazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) 12 e 13. Tutti lo pensano, ma pochi per ora l’hanno fatto in modo semplice.”

Premio B Community a PortAmici della classe 2OP dell’Istituto Romani di Casalmaggiore “Risolve un importante problema di mobilità giovanile verso eventi (concerti, locali e discoteche) e di sicurezza tramite una piattaforma/app che disintermedia le richieste dei trasporti.

Premio della giuria popolare B (Pop)ular a BigAp della classe 3A dell’Istituto Racchetti-Da Vinci, Crema.

Il progetto, che ha ricevuto importanti riconoscimenti a livello nazionale e internazionale, è stato realizzato con il contributo di importanti imprese benefit e B Corp: Wekiwi, Nativa, Assimoco, Davines, Herbatint, International Napoli Network, Bottega Filosofica e B Lab. Il progetto è co-finanziato tramite il bando "B Circular, Fight Climate Change!", nell'ambito del progetto There isn’t a PLANet B!, co-finanziato dalla Commissione Europea nell'ambito del progetto DEAR (Development Education and Raising Awareness ), cordinato da punto.sud - Italia, supportato da Fondazione Cariplo e Fondazione CON IL SUD. Ha ricevuto il patrocinio del Comune di Milano e si inserisce nell’ambito del Festival dello Sviluppo Sostenibile 2019 di ASviS, l’Alleanza per lo Sviluppo.

Milano, 6 Giugno 2019

 

Isacco Bertè

Isacco Bertè 5ªD 18 anniIsacco Bertè

Presentati!

Mi chiamo Isacco e sono uno studente della 5ªD, scientifico tradizionale. Posso dirmi decisamente molto orgoglioso e soddisfatto di aver scelto il “Marconi”.

Come ti descriveresti?

Sono molto estroverso e amo far divertire le persone il più possibile.

Perché hai deciso di candidarti come rappresentante d’istituto?

Da sempre, ho idealizzato la figura del rappresentante d’istituto come una persona in grado di dare il buon esempio, dando vita ad un senso di appartenenza maggiore all’interno della propria scuola. Fin da piccolo sono rimasto, infatti, molto affascinato dai racconti di mio padre, che è stato rappresentante d’istituto al “Romagnosi”.

Uno dei miei propositi per quest’anno era, certamente, l’incentivare tematiche di spessore, al fine di stimolare il dialogo e il dibattito tra noi ragazzi.

 

A proposito di dibattito, perché hai scelto di citare proprio Gramsci (“odio chi non parteggia, odio gli indifferenti”)?

La sua è sicuramente una sentenza lapidaria, che dovrebbe suscitare una reazione da parte di ognuno di noi, siccome non si tratta di una semplice critica, bensì una chiara incitazione a prendere posizione. Ad oggi, credo proprio che ciò dovrebbe riflettere il modo di ragionare di tutti all’interno di una società.

Quali sono, secondo te, un pregio ed un difetto del “Marconi”?

Il pregio maggiore è, sicuramente, la figura centrale dello studente. Purtroppo, però, spesso, questa caratteristica non viene sfruttata appieno.

Per quanto riguarda il difetto, invece, parlerei, senza alcun dubbio, della difficoltà nel gestire il numero sempre maggiore di distaccamenti.

Hai qualche consiglio da dare ai Marconiani?

Si, consiglierei, innanzitutto, di apprezzare il più possibile gli aspetti positivi della nostra scuola.

In primis è, però, fondamentale stimolare la curiosità, avere tante idee e pensare in grande.

Quali credi che siano le principali caratteristiche che un rappresentante d’istituto debba avere?

Senso di iniziativa, capacità di coinvolgimento, tante idee, carisma e capacità di mediazione.

Cosa ti piace fare nel tempo libero?

Sicuramente, mi piace molto tenermi informato, ma un’altra mia grande passione è la cucina.

Inoltre, sono uno scout e faccio parte dell’Assistenza Pubblica.

Riccardo Casali

Riccardo Casali 3°VRiccardo Casali

Parlaci di te!

Mi chiamo Riccardo Casali e frequento la 3°V, Scienze applicate, e, oltre a frequentare il Liceo, suono diversi strumenti musicali, quali il pianoforte, la chitarra e la tromba.

Come descriveresti il tuo carattere?

Sono sicuramente un ragazzo tranquillo e solare, ma talvolta anche lunatico: mi innervosisco facilmente e, quando mi arrabbio, non parlo con nessuno, ma, ciononostante, cerco sempre di fare lo spiritoso per tirare su il morale ai miei amici.

Quando hai iniziato a dedicarti alla musica?

Ho sempre avuto una grande passione per la musica; ho iniziato quando ero in prima media, quindi all'età di 11 anni. Mi sono formato autonomamente, pertanto mi piace definirmi un autodidatta!

Molto spesso, mi esibisco durante numerosi eventi popolari a Sissa, suonando pezzi generalmente jazz con la tromba. Mi esercito principalmente a casa, dove suono anche la chitarra e il pianoforte. Penso che la musica sia un ottimo modo per rilassarsi e distrarsi un po’, oltre che un grandissimo aiuto per comprendersi ed esprimersi al meglio, soprattutto per quanto riguarda noi ragazzi. È proprio per questo motivo che la consiglierei a tutti.

Purtroppo, però, non credo che intraprenderei una carriera musicale: preferisco continuare a suonare autonomamente, nel tempo libero. Spesso, infatti, è davvero molto difficile sfondare nel mondo della musica e preferirei che quella dimensione introspettiva che tanto mi piace non fosse messa in secondo piano.

Dunque, vorrei davvero che gli altri capiscano che una passione non deve necessariamente diventare una professione, anzi, ritengo che sia più importante conservare i benefici che essa ci dà a livello emotivo.

Quali sono le tue fonti di ispirazione nella musica?

Non ho una fonte di ispirazione principale, però, per quanto riguarda il pianoforte, mi piace molto Ludovico Einaudi.

Di solito, però, ascolto soprattutto Offset, Sfera Ebbasta e Dan Lewis, alcuni dei miei artisti preferiti.

Oltre allo studio e alla musica, cosa fai nel tempo libero?

Oltre a suonare e produrre, durante la settimana gioco a calcio a Felino, allenandomi 3 giorni su 7.

Guardo anche alcune serie tv, come ad esempio Vikings e Stranger Things. Le trovo davvero molto interessanti!

Ora, dicci qualcosa di più personale. Come dovrebbe essere la tua ragazza ideale?

Questa è una domanda un po' difficile… Onestamente non saprei, ma dovrebbe essere estroversa e socievole. Non attribuisco molta importanza a caratteristiche come, ad esempio, il colore dei capelli: non è l'essere bionda o mora a fare la differenza.

Durante un'uscita, dove porteresti la tua ragazza?

Attualmente non sono fidanzato, ma se dovessi uscire con una ragazza credo che la porterei in Cittadella oppure in centro città, per passare un po’ di tempo insieme.

Qual è la figuraccia più brutta che hai fatto?

Credo che la figuraccia peggiore di tutta la mia vita sia stata circa un anno fa. Ero uscito con la mia ragazza per fare un giro, ma, mentre eravamo insieme, abbiamo incontrato mia nonna. Si è fermata e ha iniziato a parlarci e a fare domande, non la smetteva più… è stata una situazione molto imbarazzante!

Infine, cosa pensi di fare nel futuro?

Finito il Liceo, mi iscriverò all'Università, dove studierò ingegneria meccanica o informatica. La mia materia preferita è, infatti, fisica, quindi mi piacerebbe continuare un percorso che contenga questa disciplina.

Giulio Riccò

Giulio Riccò 5ªS (scienze applicate)Giulio Riccò

18 anni

Presentati!

Mi chiamo Giulio Riccò e sono uno studente della 5ªS, scienze applicate, ma, oltre al “Marconi” frequento anche il Conservatorio, dove studio canto lirico.

Come ti descriveresti?

Sono sicuramente molto amichevole ed estroverso, mi piace socializzare con le persone!

Quando e come hai deciso di iniziare a frequentare il conservatorio?

Ho iniziato tre anni fa, quindi all’età di 15 anni, dopo aver passato l’esame come terzo su trenta e primo tra gli uomini.

Da piccolo, amavo molto i cartoni, quindi mia mamma, sentendomeli cantare, decise di farmi conoscere un coro di bambini. Entrai a farne parte e, grazie ad una collaborazione tra questo coro e il Teatro Regio, ho conosciuto l’opera, per poi decidere subito dopo di continuare con essa.

Quante volte a settimana studi al Conservatorio?

Le lezioni di canto ci sono una volta a settimana, mentre quelle di solfeggio due volte. Inoltre, ci sono anche i recuperi e i potenziamenti, quindi alla fine ho lezione praticamente tutti i pomeriggi e, a volte, anche la mattina, per questo qualche volta mi capita di dover saltare scuola.

Quando ti esibisci?

Quest’anno sono già tredici date, da aggiungere a quelle di aprile!

Il primo anno, quando iniziai a studiare, mi avevano già chiamato a Londra per esibirmi da solista nella Cattedrale di San Paolo e quello è stato davvero uno dei miei primi concerti seri.

Inoltre, da due anni ormai, mi esibisco al Festival Verdi al Teatro Regio e, ad Aprile, sarò all’Auditorium Paganini.

Qual è stato il tuo concerto preferito?

In realtà... tutti!

Se dovessi proprio sceglierne uno, però, sceglierei sicuramente quello a Londra.

Il concerto era stato organizzato da una comunità parmigiana trasferitasi lì negli anni Ottanta e per l’anniversario avevano deciso di ingaggiare un coro e me come solista.

Lo spettacolo più bello a cui hai assistito invece?

“Il Barbiere di Siviglia”, a cui ho assistito da bambino!

Continuerai a studiare musica dopo il “Marconi”?

Si, certamente!

Continuerò sicuramente con la lirica a livello professionale.

Oltre alla lirica, che tipo di musica ascolti?

Un po’ di tutto!

Di solito, quando si pensa ad un ragazzo che canta lirica, si tende a stereotiparlo molto.. a me, invece, piace ascoltare tutto: la trap, il rap, il raggaeton...

Come viene vista, secondo te, la musica classica dai ragazzi della nostra età?

Solitamente, viene sottovalutata tantissimo e si tende a giudicare chi se ne occupa come un tipo abbastanza “strano”. In realtà, invece, dipende solamente dalla predisposizione della voce che una persona può avere.

Personalmente, inoltre, quest’esperienza mi ha formato davvero molto.

Cosa ne pensi, invece, del rapporto che i ragazzi hanno con il mondo del teatro?

Secondo me, sarebbe molto utile che i ragazzi venissero a contatto più spesso col mondo del teatro, perché è una vera e propria riscoperta personale, che aiuta a formarsi al meglio e a crescere con degli ideali solidi.

A livello personale, il teatro mi ha anche dato la possibilità di riflettere sulle piccole cose e ad emozionarmi di più per ciò che spesso viene dato per scontato.

Cosa ti piace fare nel tempo libero?

Generalmente, passo del tempo con la mia ragazza oppure vado a vedere le partite del Parma, di cui sono un grande tifoso!

Hypnoshiver

Hypnoshiver Vittorio Menozzi 5ªD Pietro Niccoli 4ªT Alessandro Pelosi 2ªQHypnoshiver – intervista

  • Vittorio Menozzi 5ªD
  • Pietro Niccoli 4ªT
  • Alessandro Pelosi 2ªQ

Come vi siete conosciuti?

V: Ci siamo conosciuti in momenti diversi, incontrandoci per caso.

Io ho conosciuto prima Alessandro, poi Pietro. 

In seguito, abbiamo formato un gruppo, ma è successo tutto per caso.

Da dove deriva il nome del gruppo?

V: Il nome è stata una delle decisioni più difficili.

Abbiamo cercato online e sui vocabolari ma, alla fine, la scelta è stata puramente casuale.
Il nome “Hypnoshiver” è stato proposto da me ed è piaciuto sia a Pietro che ad Alessandro, quindi abbiamo tenuto questo.

Che genere di musica fate?
V: Produciamo vari tipi di musica elettronica.

Il bello degli artisti che lavorano in questo campo è, infatti, poter creare nuovi sottogeneri musicali l’uno diverso dall’altro.

A: Il nostro obbiettivo è quello di creare un genere nostro, un suono diverso da quelli che ci sono adesso in commercio.

A proposito di ciò, cosa ne pensate della cosiddetta “musica commerciale”?

V: Secondo me, il termine “commerciale”, riferito alla musica, è molto abusato. Spesso la gente utilizza quest’espressione per indicare qualsiasi cosa.

L’aggettivo “commerciale” indica, in realtà, un determinato tipo di musica che viene ascoltato molto, e, di conseguenza, assume una posizione di rilievo nel commercio.

Ciò che è commerciale è ciò che la gente vuole sentire.
Esistono varie tipologie di musica commerciale, soprattutto in base al genere, poiché ci sono semplicemente canzoni più richieste di altre ed è questo che significa realmente essere commerciale.

Suonate in qualche locale?

V: Non ancora. Al momento pensiamo principalmente alla produzione.

Come lavorate solitamente?

A: Il lato positivo dell’essere in tre è riuscire a dividersi in modo più semplice il lavoro. Lavoriamo a casa, in proprio, e, quando ci incontriamo, confrontiamo le diverse idee.
All’interno del gruppo, ognuno di noi ha una data capacità che prevale e grazie alla quale lavora meglio.

V: Di solito, io sono il primo ad avere in testa un’idea diversa ogni giorno.

Alessandro, invece, è il nostro informatico: è molto pratico di computer, database, programmi, social…

Ad ogni modo, tentiamo sempre di lavorare insieme.

È bello poter contare l’uno sull’altro e, a mio avviso, essere in tre è davvero una marcia in più da un punto di vista organizzativo, soprattutto se tutti hanno molta voglia di fare.

Avete già in mente qualche nuovo progetto?

V: Stiamo lavorando su alcune canzoni di diversi generi.

I generi che ci piacciono di più sono “Bass House”, “Bounce” e “psy-trance”.

A: Cerchiamo sempre di differenziare le tracce, ogni canzone che produciamo ha delle dinamiche proprie e molto diverse dalle altre.

Chi è il vostro artista preferito?

P: Personalmente non ne ho davvero uno preferito. Mi piace spaziare, ascoltando vari artisti.

A: Il mio è Martin Garrix. Lo apprezzo molto dal punto di vista personale, perché tutto ciò che ha fatto lo ha fatto da solo e vederlo ora nelle classifiche mondiali è ammirevole.

V: Il mio, invece, è Skrillex. Per quanto riguarda la creatività musicale, per me, è uno dei dj con più potenziale.

È sicuramente una grande fonte d'ispirazione.

Come vi descrivereste?  

P: Io mi reputo una persona abbastanza timida a primo impatto, però col passare del tempo riesco ad aprirmi abbastanza.

A: Personalmente mi definirei molto solare, positivo e determinato. Cerco sempre di tirare su il morale a tutti!

V: Io mi ritengo molto ambizioso e, a volte, anche un po’ troppo positivo.
Sono costantemente alla ricerca dell’equilibrio, nonostante possa risultare complicato gestire tutto: il proprio tempo, le proprie passioni…
Per quanto riguarda i ragazzi, Alessandro è molto serio e riesce sempre ad essere un punto di riferimento, essendo molto competente e ambizioso.

Pietro, invece, è veramente una brava persona ed ha una creatività infinita, soprattutto nella selezione delle canzoni, nel mixaggio, nella tecnica… ha anche molta voglia di fare!

Posso dire che siamo complementari: ad ognuno di noi manca qualcosa e, per riempire questa mancanza, ci affidiamo agli altri.

P: Devo dire che con i ragazzi mi sono trovato subito benissimo! Sono sempre disponibili, gentili ed educati nei miei confronti.

V: Quando si fa parte di un gruppo, si deve sempre fare un passo verso gli altri: non ci si impone mai, ma si collabora.

 Come dovrebbe essere la vostra “ragazza ideale”?

A: Innanzitutto, dovrebbe essere in grado di tenermi testa. Ho un carattere non molto facile da amare, soprattutto perché cerco sempre di prendere in mano la situazione, dunque, una persona che sappia stare al mio passo e che sia in grado di sostenermi, mi motiva sicuramente di più.

È importante che condivida più o meno le mie stesse passioni, che le ami viaggiare e, certamente, che non sia troppo gelosa…

P: Di solito mi piacciono le ragazze solari, con un bel modo di fare e che mi sappiano tenere testa. Dovremmo avere almeno qualche passione in comune ed anche io preferirei che le piacesse viaggiare.

V: Io ho un carattere abbastanza impegnativo: mi piace scherzare, provocare… quindi la mia ragazza ideale dovrebbe avere molta grinta e voglia di fare, capire che anche nel tempo da dedicare l’uno all’altro ci vuole un certo equilibrio, ma, ovviamente, il fatto di non essere costantemente insieme non significa che non le voglia bene o che non ci tenga.

Dal mio punto di vista, una ragazza in grado di farmi sentire vivo è la ragazza giusta.

È importante che sia una sicurezza dal punto di vista emotivo, ossia una persona con cui potermi confrontare.

Di base, però, due caratteristiche fondamentali devono essere l’aggressività e la personalità.

Oltre alla musica, cosa vi piace fare nel tempo libero?

V: Nel tempo libero faccio beach volley. Mi alleno dalle due alle tre volte a settimana ed ora devo preparare i campionati italiani per quest’estate. È davvero una bella esperienza, perché fare sport è molto formativo, ti dà grinta e determinazione.
Inoltre, leggo parecchio, mentre il resto del tempo lo dedico tutto alla scuola.

P: Non ho moltissimo tempo libero, però, quando ne ho un po’, mi piace andare in palestra o uscire il sabato con gli amici per passare delle belle serate in compagnia.

A: Come sport, io ho sempre praticato karatè.

Trovo che aiuti molto a capire quello che sei veramente, cosa vuoi fare, gli obbiettivi che vuoi raggiungere, le capacità che hai.

Inoltre, riesci a capire meglio anche chi hai di fronte, non solo a livello di scontro, ma a livello di vita.
Per il resto, passo molto tempo informandomi, per avere una visione generale su tutti i campi. Gran parte della giornata, infatti, la passo al computer e, quando non studio, mi piace uscire, anche ascoltando musica, in cerca d’ispirazione.

Emanuele Miceli

Emanuele Miceli 5ªS (scienze applicate)Emanule Miceli

18 anni

Parlaci un po’ di te

Mi chiamo Emanuele Miceli e ho 18 anni, vado verso i 19. Faccio la 5ªS scienze applicate, quindi quest’anno dovrò anche affrontare l’Esame di Stato.

Come ti descriveresti?

Innanzitutto, sono un ragazzo solare e tendo a scherzare molto. Non sono per niente timido, infatti, solitamente riesco ad entrare subito in confidenza con le persone.

Perché hai scelto questa scuola?

Onestamente, ho preferito le Scienze applicate, che allora erano appena entrate in vigore al “Marconi”, per evitare il latino. Ad oggi, però, se potessi tornare indietro, molto probabilmente sceglierei lo scientifico tradizionale, perché credo che informatica sia meno utile rispetto al latino.

Che sport pratichi?

Pratico calcio da quando avevo 7 anni, ossia da 11 anni.

Attualmente gioco nella Juniores Nazionale del Lentigione, che io ritengo essere una delle squadre più importanti della zona, subito dopo il Parma Calcio, come difensore esterno e centrale.

Perché hai scelto proprio il calcio?

Da piccolo ho provato tanti sport, ad esempio judo e nuoto, ma, in seconda elementare, ho deciso di iniziare a praticare calcio, perché molti dei miei amici lo facevano già ed anche io mi sono trovato subito molto bene.

Hai iniziato a giocare fin da subito nel Lentigione?

No, in realtà il Lentigione non comprende anche il settore giovanile e, inoltre, richiede la capacità di mantenere costantemente i ritmi alti.

Come riesci a conciliare il calcio con lo studio?

Mi alleno tre o quattro volte a settimana. Gli allenamenti iniziano alle 15 e torno a casa alle 18,30.

Quando rientro, generalmente, sono sempre molto stanco, quindi spesso risulta difficile trovare la concentrazione necessaria per studiare. Per quanto mi riguarda, infatti, è molto importante prestare attenzione in classe durante le lezioni, per poi dedicarmi totalmente allo studio nei giorni in cui non mi alleno.

Cosa rappresenta per te questo sport?

Per me, il calcio rappresenta la mia principale valvola di sfogo e ritengo che, nonostante a volte possa risultare molto impegnativo, sia davvero utile per sfruttare al meglio le proprie energie.

Inoltre, quest’anno, sono anche il capitano della squadra e posso sicuramente dire che quest’esperienza si sta rivelando alquanto formativa, in quanto richiede buone capacità di comunicazione all’interno del gruppo, ma comporta anche grandi responsabilità.

Lo porteresti avanti anche a livello professionale?

No, in realtà, nel calcio, riuscire a sfondare è sempre molto complicato, quindi per me la scuola è attualmente al primo posto.

Il calcio resta, però, una grandissima fonte di soddisfazione ed, eventualmente, anche di guadagno.

Parlando di università, invece, hai già pensato agli studi che vorresti intraprendere?

Si, io ho sempre voluto studiare medicina.

Vista la difficoltà del test d’ingresso, però, il primo anno, opterei per la facoltà di biotecnologie, in modo tale da avere qualche esame in comune e passare, così, a medicina l’anno successivo.

Che squadra tifi?

Assolutamente Parma!

Come dovrebbe essere la tua ragazza ideale?

A dire il vero, non ho particolari canoni estetici, ma dovrebbe, sicuramente, essere in grado di tenermi testa.

Raccontaci una figuraccia!

Per quanto riguarda le figuracce.. devo essere onesto, spesso riesco ad evitarle, per fortuna!

Che tipo di musica ascolti?

Mi piace ascoltare molti generi diversi, ma al momento preferisco la musica Trap.

Come descriveresti la tua esperienza al “Marconi”?

Durante i cinque anni al “Marconi” mi sono trovato davvero molto bene, avendo instaurato dei buoni rapporti un po’ con tutti i ragazzi, soprattutto con alcuni, con cui ho legato tantissimo.

Inoltre, ho anche avuto la grande fortuna di incontrare dei bravi insegnanti e, negli anni, ho sicuramente appreso un metodo di studio sempre più efficace.

Gines Carlo

Carlo Gines (16 anni) – 3^U (scienze applicate)Gines Carlo

Presentati!

Ciao, mi chiamo Gines Carlo, frequento il corso delle scienze applicate e sono nella sezione 3^U.

Raccontaci: qual è la tua passione e come è nata?

Beh, la mia più grande passione è la musica e in particolare amo suonare il pianoforte, motivo per il quale frequento il Conservatorio. Ho scoperto questo strumento quando ero in seconda media grazie alla mia professoressa di musica che mi aveva invitato a partecipare ad alcune sue lezioni di piano. Da quel momento ho scoperto un nuovo mondo, una nuova passione e tutt’ora la porto avanti, come detto prima, grazie al conservatorio.

 Da quanto tempo suoni e perché hai scelto di fare il Conservatorio?

Suono da sei anni, ma ho iniziato a farlo seriamente solo da quattro. Ho scelto di fare il Conservatorio perché mi interessava questa realtà e per approfondire meglio la conoscenza di questo strumento.

Raccontaci del Conservatorio…

Il Conservatorio è come una seconda scuola: vai lì e segui delle lezioni particolari, come solfeggio, canto corale e strumento. Generalmente le lezioni di solfeggio e canto corale durano un’ora e mezzo, mentre quelle di strumento variano di anno in anno. Inizialmente duravano mezz’ora due volte a settimana, ma andando avanti il programma è diventato più pesante e le ore sono aumentate quindi si può anche decidere di non dividere più le ore e vedersi un solo giorno alla settimana per un periodo più lungo.

Scusa se ti interrompo, ma cosa c’entra nel tuo caso canto corale?

Ora come ora principalmente niente, per imparare ad ascoltare gli altri e come bagaglio culturale nel caso da grande si voglia entrare a far parte di un’orchestra.

Riesci a portare la tua passione nella realtà del “Marconi” e come riesci a gestirti?

L’anno scorso avevo partecipato ad un corso organizzato dalla professoressa Sara Dieci, ma purtroppo ho dovuto abbandonare per mancanza di tempo. La scuola mi porta via numerose ore e gestire attività extrascolastiche oltre al conservatorio mi viene difficile. Devo suonare lo strumento almeno due ore al giorno per ottenere dei risultati concreti, per cui anche quando sono libero devo sempre mettermi avanti per riuscire ad avere delle soddisfazioni anche a scuola.

E, piccolo aneddoto, a volte mi viene davvero difficile gestire i miei orari perché al mio vicinato dà fastidio se suono dopo le sei, quindi sono costretto, quando possibile, a fermarmi in un’aula vuota del Conservatorio.

Pensi che questa esperienza ti abbia cambiato?

Questa esperienza è sfiancante però sicuramente sì, mi ha aiutato a crescere, a capire meglio i miei obiettivi e ad organizzarmi meglio, nonostante le mie giornate siano sempre piene.

Hai mai partecipato ad un concorso?

Sì, ho partecipato a dei concorsi accademici del Conservatorio. Non credevo nemmeno di passare le selezioni, però alla fine ce l’ho fatta anche se non ho vinto nulla.

Ora ho intenzione di iniziare a farne alcuni insieme ad un mio amico violinista. Vedremo quel che accadrà…

A proposito, fai parte di qualche gruppo?

No, non faccio parte di nessun gruppo, però approfitto della situazione per dire a chiunque suoni uno strumento voglioso di creare un gruppo di contattarmi, perché ho veramente bisogno di suonare con qualcuno!

Ora una domanda un po’ più personale: i tuoi ti sostengono?

I miei, sì, mi sostengono molto. Loro sono molto orgogliosi di me e quindi, quando magari non ho voglia di suonare perché sono stanco o perché sono giù, mi spronano ad esercitarmi poiché credono molto nel mio potenziale. Pensa che a volte dicono in giro che faccio il Conservatorio a gente a caso!

Vuoi lasciare un messaggio a chiunque voglia intraprendere questo percorso musicale?

Questo percorso è davvero complicato, inutile mentire, ma con impegno e dedizione ci si può riuscire e si arriva ad un punto in cui si è orgogliosi di sé stessi e ci si sente appagati. Se però non si è pronti a prendere le cose seriamente, è inutile farlo.

Un consiglio che do è quello di fare le cose al tempo giusto, anche le cose più stupide che sembrano semplici e inutili vanno fatte per poter migliorare sé stessi… non va mai sottovalutato nemmeno un solfeggio!

Cos’hai in mente per il futuro?

Sinceramente non lo so. Una volta finito sia il Liceo sia il Conservatorio devo fare l’Università, perché il percorso musicale fatto non è abilitante e dovrei studiare altri anni. In ogni caso vorrei prima dare precedenza alla scuola e fare un percorso di ingegneria oppure matematica. Una volta ottenuta questa laurea pensavo di riprendere seriamente il pianoforte e poi si vedrà…

 

Intervista realizzata da Frati Francesca (3^L)

Speciale Annuario 2019

Copertina

Pubblichiamo qui alcune interviste che erano state preparate per l'annario 2018-2019 del liceo Marconi e che non vi hanno trovato posto per mancanza di spazio.

Isacco Bertè

Riccardo Casali

Gines Carlo

Hypnoshiver

Emanuele Miceli

Giulio Riccò

 

 

 

Documenti relativi all'avviso prot. 3340 del 23/03/2017

Nell'elenco si possono consultare i seguenti documenti:

  1. Prot3340_17 - Avviso CITTADINANZA GLOBALE
  2. Lettera_PRPS030009_35_999028_95_1
  3. Elenco_Autoriz_3340_EmiliaRomagna
  4. DELIBERA Collegio Docenti
  5. DELIBERA Consiglio di Istituto
  6. CITTADINANZA GLOBALE DECRETO DI ASSUNZIONE A BILANCIO 2018
  7. DETTAGLIO_CUP_I97I18000110007 COMPETENZE E AMBIENTI PER L'APPRENDIMENTO
  8. Autorizzazione art53 CAPPELLINI PON CP 10.2.54-FSEPON-EM-2018-161
  9. NOMINA RUP PON CITTADINANZA GLOBALE
  10. NR57 DETERMINA DOCENTI INTERNI PON CITTADINANZA GLOBALE
  11. BANDO ESPERTI E TUTOR INTERNI PON cittadinanza globale
  12. Nomina commissione valutazione esperti tutor interni PON Cittadinanza globale
  13. Verbale commissione di valutazione esperti e tutor interni -PON Cittadinanza globale

13. Graduatoria domande esperti e tutor interni PON Cittadinanza globale

    14. Determina n. 91 Esperti esterni PON Cittadinanza globale

    15. Bando esperti esterni PON Cittadinanza globale- economia e responsabilità

    15. Allegato 1 Esperti e tutor - domanda di partecipazione PON Cittadinanza globale

    15. Allegato 2 Esperti e tutor - tabella di valutazione titoli interni ed esterni

    16. Determina n. 92 docenti interni PON Cittadinanza globale- beni pubblici e comuni

    17. Bando esperti e tutor interni PON Cittadinanza globale- Beni pubblici e comuni

    17. Allegato 1 Esperti e tutor - domanda di partecipazione PON Cittadinanza globale

   17. Allegato 2 Esperti e tutor - tabella di valutazione titoli - interni ed esterni

   18. Nomina commissione di valutazione esperti esterni PON Cittadinanza globale - Economia e responsabilità

   19. Nomina commissione di valutazione esperti e tutor interni PON Cittadinanza globale - Beni pubblici e comuni

   20. Verbale commissione giudicatrice esperti esterni PON Cittadinanza globale - Beni pubblici e comuni

   21. Determina n. 102 Esperti esterni PON Cittadinanza globale - Beni pubblici e comuni

   22. Bando esperti esterni PON Cittadinanza globale - Beni pubblici e comuni

   22. Allegato 1 - Domanda di partecipazione PON Cittadinanza globale

   22. Allegato 2 Esperti esterni - tabella di valutazione titoli -interni ed esterni

   23. Verbale commissione giudicatrice esperti esterni PON Cittadinanza globale - Economia e responsabilità sociale

   24. Azione di informazione e pubblicità PON Cittadinanza globale

   25. Nomina commissione di valutazione Esperti esterni PON Cittadinanza globale - Beni pubblici e comuni

   26. Convocazione commissione di valutazione Esperti esterni PON Cittadinanza globale - Beni pubblici e comuni

   27. Verbale commissione di valutazione Esperti esterni PON Cittadinanza globale- beni pubblici e comuni

   28. Determina n. 149 - Coordi e/o valutatore PON Cittadinanza globale

   29. Avviso di selezione Coordinatore valutatore facilitatore - PON Cittadinanza globale

   29. Allegato 1 - Domanda di partecipazione PON Cittadinanza globale

   29. Allegato 2 - CO. VA. FA  Valutazione titoli

   30. Nomina commissione affidamento incarichi coordinatore e/o valutatore PON Cittadinanza globale

   31. Convocazione commissione affidamento incarichi coordinatore e/o valutatore PON Cittadinanza globale

   32. Verbale commissione affidamento incarichi coordinatore e valutatore PON Cittadinana globale

Thomas Palmia della classe 5S opzione Scienze Applicate ha vinto la medaglia di bronzo alle Olimpiadi Italiane di Informatica che si sono svolte dal 17 al 19 settembre a Matera. Seguire questo collegamento per ulteriori informazioni.
Seguire questo collegamento per consultare il calendario delle sessioni di esame ECDL per il presente anno scolastico.
La nostra scuola ha aderito alle iniziative "Un click per la scuola" (promossa da Amazon) e "Amici di scuola" (promossa da Esselunga). Seguire questo collegamento per maggiori informazioni.
Seguire questo collegamento per leggere il calendario scolastico relativo all'a.s. 2019/2020.
Studenti del Marconi in Alternanza scuola-lavoro presso le Istituzioni comunitarie a Bruxelles. Maggiori informazioni a questa pagina.
Si comunica che le proposte relative al servizio di orientamento in uscita sono pubblicate sul sito del Liceo e continuamente aggiornate. Si invitano gli studenti delle classi 4° e 5° a consultare gli avvisi per partecipare alle iniziative di loro
Top